Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Area Wellness | April 28, 2018

Scroll to top

Top

No Comments

Un relais nel cuore delle colline metallifere

Un relais nel cuore delle colline metallifere

Monteverdi Marittimo è uno struggente borgo di settecento anime abbarbicato a un poggio delle Colline metallifere della provincia di Pisa, ultima propaggine allungata verso il mare dell’Appennino Pisano. È paradiso di lecci e soffioni, di boschi incontaminati e di voli d’uccelli. Larderello è poco distante e tutta la natura è segnata da vaporosi sbuffi di fumo e di acque salutari note fin dai tempi degli etruschi.

Fino all’anno scorso era conosciuta soprattutto per quella botteguccia in Piazza del Convento dei Mucci e Staccioli che si rivela come un vero antro magico per buongustai, con le sue cantinette scavate nella terra e custodi di centinaia di cinghiali, prosciutti, salami, lardi, intingoli vari, formaggi, oli e vini che la famiglia produce da sempre e che esporta in tutto il mondo col sorriso di due fratelli vagamente balzani e di un padre chiacchierone. Poi, dalla fine dell’estate, si è aggiunta un’altra perla: I Piastroni.

Un centro benessere all’avanguardia, immerso in un verde totale, silente e profumato, da cui si vedono solo alberi, alture e cielo e dove il rapporto qualità-prezzo è quasi imbattibile. Intanto l’hotel è dotato di sole suites (più o meno lussuose, alcune addirittura dotate di camino e idromassaggio privato in un terrazza) da cui si accede direttamente all’area wellness e alle due piscine (una al coperto, l’altra all’aperto comunicanti tra loro attraverso una paratia mobile) senza dover uscire all’esterno, cosa particolarmente gradevole d’inverno. Inoltre l’acqua è sempre al di sopra dei trenta gradi (dentro e fuori) per cui è possibile nuotare e fare i getti per schiena e gambe anche con la neve, il corpo immerso in un calore confortevole e la bocca a respirare aria fredda e frizzante per un salutarissimo ricambio dei polmoni. Il tutto per quella sorta di miracolo geotermico proprio della zona.

A spiegarlo è il proprietario, Silvio Di Nardo. “Ho diversi alberghi in Toscana, ma da tempo cullavo un sogno: aprire un’oasi di relax altamente ecologica dove i visitatori potessero davvero estraniarsi da una società rumorosa e stressante. L’occasione è venuta quando questo poggio è stato messo all’asta e l’amministrazione comunale ha potuto mettermi a disposizione l’energia geotermica che è la benedizione di questi posti. Confesso che non avevo esperienza alcuna di SPA e che non volevo adeguarmi a modelli già esistenti, per cui non mi sono messo ad andare qua e là per farmi un’esperienza. Ma, visto che ero del mestiere, ho deciso di inventarmi qualcosa di decisamente mio. L’acqua calda l’avevo, io ci avrei aggiunto l’indipendenza energetica con i pannelli solari (addirittura avevo pensato ad alcune pale eoliche, ma poi era troppo complicato). Questo il primo passo. Poi sono passato al disegno della struttura. Ho immaginato di dovere rendere felice la gente, perciò mi son detto: solo suite spaziosissime ed eleganti, con soffiti alti a spiovente, e terrazze private dotate di ogni confort, un ristorante di classe per colazioni e mezze pensioni, estrema gentilezza nel personale e prezzi decisamente buoni”.

Devo ammettere che il risultato è stato raggiunto abbondantemente: lo posso testimoniare di persona. Sono stato sei giorni attorno a Capodanno, mezza pensione (vini a parte), massaggi quotidiani per mia moglie e un cenone sontuoso (champagne escluso): il costo totale è stato di 1350 euro. Davvero notevole. Inutile elencare tutti i servizi; basta visitare il sito (www.ipiastroni.com) e osservare le fotografie qui accanto e si capisce subito che il livello è altissimo, non manca niente, anzi! C’è da aggiungere che d’inverno (e fuori stagione in genere) la magia è perfino superiore. Si sentono solo le voci garrule e gioiose di chi si bagna nella piscina sottostante in un clima intorno agli zero gradi. Per il resto è pace totale. Né auto, né cemento visibile: aria pura e natura. C’è da aggiungere ancora una cosa: non esiste solo l’hotel a cinque stelle. Tutt’attorno si affaccia una dozzina di villini privati per famiglie, con cucina, camere da letto di varie taglie e servizi, anche loro parte integrante del complesso de I Piastroni.

Poi c’è una seconda struttura di villette (gestite però da Benessere e Relax Monteverdi sempre proprietà Di Nardo) con relativo ristorante. Fiore all’occhiello, i Nidi d’Amore. Vale a dire, casette dotate di una vasca da idromassaggio incorporata (ed estraibile) nel grande letto matrimoniale a baldacchino a cui si accede da due scalette laterali. Onestamente un po’ kitsch ma irresistibili “per tutte le coppie che si amano”.

Per concludere: i dintorni sono assai piacevoli. Una visita a Larderello, come già detto, è di prammatica: tre quarti d’ora di declivi dolci e ammalianti, con la foresta percorsa per chilometri e chilometri dai collettori geotermici nascosti tra gli alberi. Poi Baratti: una marina stupenda tra onde e pinete, semisconosciuta, in faccia a San Vincenzo, con un delizioso ristorantino di pesce proprio sotto il faro, là dove finisce la strada. Naturalmente Volterra, a un’oretta. Bolgheri. E in loco, o quasi, la Chiesa di Sant’Andrea, l’Oratorio del Santissimo Sacramento, la Chiesa di San Lorenzo a Canneto, e il Monastero di San Pietro in Palazzuolo.

Inviaci il tuo Commento

Please Do the Math      
 

Aggiungi una immagine