Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Area Wellness | April 24, 2018

Scroll to top

Top

No Comments

Parola d’ordine? Stare bene con music & wellness

Parola d’ordine? Stare bene con music & wellness

La progettazione e la gestione di una struttura benessere hanno bisogno di un lavoro d’equipe. Quando ci si reca in una SPA o in un Centro Benessere ci si aspetta un’attenzione particolare, un’attenzione che possa portare beneficio per più tempo possibile. È noto che lo stress, lo stile di vita, l’alimentazione e l’ambiente compromettano il nostro benessere al punto che un semplice trattamento rilassante può risultare insufficiente. Serve di più, serve attenzione in senso olistico (da olos- il tutto). Un trattamento completo che vada ad agire su tutti i tre livelli fisico emotivo ed energetico, sostenuto dal giusto apporto musicale e dalla giusta ricerca di frequenze. Sfortunatamente, però, il suono
è fra i cinque sensi quello meno curato, dimenticando così che un riequilibrio non può prescindere dall’ascolto e dal riallineamento delle frequenze dell’individuo. In un mondo frenetico, dove tutto si evolve si muove e si trasforma velocemente e, allo stesso tempo, ci chiede di essere “connessi” in ogni spazio e luogo, con ogni mezzo e in tempo reale, è sempre più difficile spostare l’attenzione verso se stessi, dedicandosi anche un solo istante di totale consapevolezza. Per stare bene, invece, talvolta c’è da rallentare, osservare, guardare il mondo e lo spazio intorno a noi, fare un respiro profondo e magari, rallentando il proprio battito, dedicarsi all’ascolto del proprio mondo interiore e delle nostre frequenze. La musica come il battito segue la vita come la vita segue il ritmo. La parola d’ordine? Stare bene.

La nostra società 2bgood – spiega Stefano Pulga, musicista,compositore e produttore, che al fianco della moglie Benedetta Duprè Pulga, wellness manager e music holistic consultant, offre la propria consulenza a SPA Centri Benessere e Resort, progettando e realizzando programmi di Music &Wellness adatti a sfruttare le giuste frequenze da abbinare ai trattamenti e alle strutture stesse – può fermare un’idea e trasformarla in un fatto concreto. Intervendo, possiamo completare un progetto music & wellness “vestendolo” con le tonalità piú adatte cosi che possa essere vissuto nel tempo, come e dove meglio si desidera. Per raggiungere la meta le melodie verranno orchestrate, eseguite e registrate ad hoc”.

In base a questo concept è nata music 2bgood, etichetta discografica finalizzata alla produzione e progettazione di Colonne Sonore Originali studiate su misura a favore di Luxury Resort, SPA & Resort, Golf Hotel e Lifestyle Hotel. Per soddisfare una richiesta sempre più ampia e sofisticata di una clientela ancor più esigente la proposta di 2bgood rappresenta una nuova prospettiva dedicata al benessere in tutte le sue manifestazioni ed esigenze.

Un percorso ‘well-being’ – chiarisce alla nostra rivista Benedetta Duprè Pulgapersonalizzato attraverso l’equilibrio fisico emotivo ed energetico, sostenuto dall’ideazione, dal progetto e dalla realizzazione di programmi wellness in linea con le frequenze musicali.

In che modo 2BGood può aiutare a dare valore aggiunto alle strutture?
Ogni struttura nasce in luoghi, colori, spazi e culture diverse. Tutto questo può essere analizzato, studiato e personalizzato musicalmente in modo esclusivo a seconda delle esigenze geografico culturali delle strutture stesse, offrendo inoltre a chi vi soggiorna l’opportunità di portare con se, oltre ai benefici del soggiorno, il ricordo emotivo del tempo trascorso, richiamando e mantenendo anche una volta rientrati a casa il benessere provato.

Qual è il vostro obiettivo?
Gli obiettivi sono vari e mirati all’ottimizzazione dell’offerta di benessere. Per raggiungere questo scopo, grazie alle diverse esperienze del team 2bgood, si sviluppano soluzioni indirizzate al perfezionamento dei trattamenti wellness, coadiuvate dalla costruzione del supporto musicale. È innegabile che la musica sia al centro dell’equilibrio, e allora non va improvvisata.

Tags

Inviaci il tuo Commento

Please Do the Math      
 

Aggiungi una immagine