Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Area Wellness | April 28, 2018

Scroll to top

Top

No Comments

Due architetti italiani per una SPA privata vicino Mosca

Due architetti italiani per una SPA privata vicino Mosca

Alcuni anni fa, l’Ambasciata d’Italia a Mosca ha pubblicato un volume dal titolo “Italia-Russia: mille anni di architettura”. Il lavoro, curato da tre studiosi, presenta con il supporto di un ricco corredo iconografico i capolavori di un centinaio di architetti italiani che nel corso dei secoli sono giunti a Vladimir, Mosca, San Pietroburgo, offrendo la propria abilità alle corti imperiali. Dai fasti del Quattrocento, alle opere barocche e neoclassiche di Francesco Bartolomeo Rastrelli, Giacomo Quarenghi e Carlo Rossi realizzate per le imperatrici Elisabetta e Caterina nella capitale del Nord, sono numerose le testimonianze di un rapporto che si è consolidato nel corso dei secoli.

Se un tempo il fenomeno poteva essere spiegato per l’abitudine dei professionisti italiani a lavorare la pietra e il marmo, fondamentali per la realizzazione di strutture resistenti alla guerra e alle intemperie, oggi il mercato russo continua a guardare con interesse agli architetti della Penisola e al loro gusto estetico misto alla qualità degli arredamenti e dei materiali. Ne è un caso recente la vittoria di Massimiliano e Doriana Fuksas del prestigioso concorso internazionale per la progettazione del “Moscow Polytechnic Museum and Educational Centre” di Mosca, per un budget generale di 180 milioni di dollari.

È però soprattutto il comparto privato che attrae gli architetti italiani, in considerazione di due dati che risultano decisamente esplicativi: in Russia il numero di professionisti è molto più basso che in Europa, per un rapporto di 3 ogni diecimila, e il paese ha, allo stesso tempo, il più alto tasso di miliardari pronti a investire. Un buon esempio è rappresentato dalla SPA progettata dallo studio D73 degli architetti Vismara e Viganò per la residenza di un committente che vive a pochi chilometri da Mosca in una splendida struttura circondata dal verde di un bosco privato.

In un complesso di circa 5.000 metri quadrati, la SPA, distribuita su tre livelli, è stata realizzata in un equilibrato mix fra vetro e acciaio arricchito da numerosi elementi made in Italy: la piscina a sfioro, premiata nel 2016 dal concorso internazionale Aqua Prestige, nella categoria Miglior Piscina Privata, sembra lasciare entrare il bosco esterno dalla enorme vetrata a tutta facciata per un risultato che offre un senso di silenzio assoluto e di totale contatto con la natura che si riflette sullo specchio d’acqua. Dal bordo a sfioro l’acqua scivola sulla parete frontale della piscina per fare da sfondo alla zona lounge sottostante, mentre dal piano si può scendere a una zona umida più interna e riservata, con bagno turco, sauna, fontane di ghiaccio, docce di reazione e water paradise. La SPA è completata da cabine massaggi, una stanza relax arredata di chaise longue e una zona fitness.

Per venire incontro alle richieste del cliente, abbiamo lavorato per una perfetta sinergia fra tecnologia, colori RGB e natura” spiegano gli architetti Vismara e Viganò. “Per il progetto abbiamo realizzato un complesso ultra contemporaneo, con materiali scelti per la loro capacità di integrare natura e tecnologia: le piastrelle effetto ardesia, la pietra che riveste i corridoi, le cabine massaggi e l’area wellness, la pelle delle poltrone, il legno degli arredi fino al carbonio e all’acciaio della piscina, sono i dettagli pensati per venire incontro alle esigenze del committente. Con le luci abbiamo invece lavorato per un intervento capace di modificare la fisionomia stessa del progetto in base alle funzioni e agli orari: lampade a incasso con differenti cromie ci hanno permesso di dare una dimensione dinamica a tutti gli ambienti previsti nel progetto originario.

Inviaci il tuo Commento

Please Do the Math      
 

Aggiungi una immagine